Chiedi a Candy
Torna al blog

Cambio di stagione armadio: guida completa

Cambio di stagione armadio: guida completa

L’arrivo dell’autunno, stagione per molti affascinante per colori e atmosfere, coincide con un’attività tipica di questo periodo: il cambio di stagione dell’armadio.

Non si tratta di un’operazione banale, anzi da molti è considerata motivo di stress e fastidio, ma va fatta e può anche essere una buona occasione per eliminare abiti e/o accessori non più utilizzati o, nel caso di abiti e scarpe dei bambini, per dismettere quello che, con la crescita, non andrà più bene l’estate successiva.

In questa guida vengono proposti alcuni utili consigli su come riporre i capi della passata stagione e organizzare l’armadio con quelli della stagione in corso. Vediamo come lavare i vestiti da riporre per qualche mese e come conservarli nella maniera più corretta aiutandosi con prodotti commerciali e/o metodi naturali come i sacchetti di lavanda, per esempio. Quali sono gli elettrodomestici da utilizzare per fare tutto questo nel più breve tempo possibile garantendo i migliori risultati.

Gli elettrodomestici

Una delle cose da fare in vista del cambio di stagione dell’armadio è sicuramente quella di lavare e asciugare i capi estivi e più leggeri per poi riporli freschi e ben puliti, ma anche lavare, o almeno rinfrescare, i capi autunnali e invernali che vengono tirati fuori dall’armadio.

Durante il periodo di non utilizzo, infatti, soprattutto se l’armadio non viene periodicamente areato, i capi potrebbero impregnarsi di cattivi odori come quello di “chiuso” che in un armadio, per quanto ben tenuto e deodorato, inevitabilmente si crea.

Al giorno d’oggi la tecnologia ha fatto passi da gigante e in commercio si trovano lavatrici a carica frontale o dall’alto e le lavasciuga con le quali è possibile ottenere dei lavaggi perfetti grazie alle funzionalità di cui dispongono. Alcuni modelli offrono anche programmi basati sul vapore, che si attivano automaticamente a fine ciclo in modo da ridurre le pieghe sui tessuti e dimezzare il tempo dedicato allo stiro.

Le asciugatrici, poi, hanno nel tempo rivoluzionato le abitudini di asciugatura e hanno risolto l’annoso problema del come fare in caso di brutto tempo. Anche alcune asciugatrici dispongono di programmi basati sul vapore che permettono di dare una bella rinfrescata ai nostri vestiti e a quelli dei bambini, sia a quelli appena tirati fuori dall’armadio che a quelli ancora da riporre. Quando si fa il cambio dell’armadio, l’asciugatura è un punto da non sottovalutare soprattutto se non si è provvisti di una lavasciuga o asciugatrice e quindi si stendono i panni in maniera tradizionale e si è legati, inevitabilmente, alle giornate di sole che, oltretutto, in questo periodo dell’anno è meno caldo. Per chi ha un guardaroba ben fornito è bene iniziare il cambio di stagione con qualche giorno d’anticipo per evitare di farsi sorprendere da pioggia e/o freddo.

Guardaroba: i consigli della nonna

La prima cosa da fare è, ovviamente, quella di aprire l’armadio e togliere i vestiti estivi e disporli, in maniera ordinata, sul letto o dove ti è più comodo.

Con l’armadio aperto procedere, quindi, alla pulizia dei vari ripiani e scomparti per creare un ambiente profumato e salubre. Dopo aver pulito e rinfrescato l’armadio, riporre gli abiti da dismettere avendo cura di disporli in un certo ordine e senza sgualcirli troppo cercando di appenderli ben stesi su grucce di dimensioni adeguate.

Per poter essere ordinati è bene aiutarsi con scatole di cartone e sacchi di cotone, sono infatti materiali che preservano dai cattivi odori a differenza della plastica. Un ulteriore consiglio è quello di etichettare scatole e sacchi al fine di trovare facilmente quello che cerchiamo. Un altro trucco è quello di utilizzare i colori: disporre gli abiti, le borse e quant’altro in base al colore renderà il tutto piacevole alla vista oltre che di facile individuazione.

Particolare attenzione va ai capi prettamente estivi come costumi da bagno, teli da mare, pareo e quant’altro, che vanno lavati accuratamente per eliminare residui di salsedine, sabbia o cloro in modo da preservarli intatti per l’estate successiva.

Per guadagnare ulteriore spazio è possibile utilizzare il sottovuoto, tecnica che consente di conservare gli abiti o gli accessori più ingombrati occupando poco spazio.

Infine è bene avere cura di utilizzare l’antitarme e dei sacchettini profuma biancheria come quelli alla lavanda per esempio, oppure, ancora, delle saponette profumate ancora chiuse.

L’ultimo consiglio, ma non meno importante: avere cura di aprire le ante dell’armadio almeno una volta a settimana per far cambiare l’aria e mantenere la freschezza degli abiti il più a lungo possibile.

Scarpe: come fare il cambio di stagione

Un capitolo a parte lo meritano le scarpe, elemento che, per molti, è un vero e proprio oggetto di culto, al punto da averne in grande quantità. La prima cosa da fare, anche per le scarpe, è quella di selezionare quelle che non indosseremo più e che, soprattutto nel caso dei bambini, non sarà più possibile utilizzare per la crescita del piede. Ripulire le suole e spolverarle o lucidarle a seconda del materiale. Un buon consiglio è quello di mettere nella parte più raggiungibile della scarpiera quelle più adatte alla stagione in corso, preferendo quindi quelle chiuse, in alto meno a portata di mano quelle aperte, per poi invertire l’ordine al successivo cambio di stagione.

08/10/18