Chiedi a Candy
Torna al blog

Guida alla spesa: consigli per non sbagliare

Guida alla spesa: consigli per non sbagliare

Fare la spesa è un’operazione molto variabile a seconda della condizione sociale e degli stili di vita: sposati, single, con figli, pensionati, con un lavoro full o part time, sono tutte caratteristiche che impattano, inevitabilmente, sul quando andare a fare la spesa e quanto tempo e denaro dedicare a essa. Comunque, se la spesa viene fatta in maniera intelligente e con un occhio attento a prezzi e a offerte, si può avere un bel risparmio a fine mese.

Alcuni consigli generali, buoni per tutti, sono:

• fare sempre la lista della spesa;

• fare un confronto fra negozi e supermercati, magari attraverso i vari volantini;

• essere certi di avere con sé la carta fedeltà se si fa la spesa in un supermercato;

• leggere le etichette, con particolare attenzione alle date di scadenza dei prodotti e alle quantità;

• prestare attenzione a offerte e sconti;

• controllare quanto messo nel carrello prima di pagare: abbiamo preso tutto o manca qualcosa?

Fare la spesa in modo intelligente: come si fa

Uno dei modi più sicuri per fare la spesa in maniera intelligente è quello di attenersi il più possibile alla lista stilata: così si evitano acquisti superflui e, conseguentemente, sprechi. A parità di prodotto, è bene verificare se esistano condizioni di acquisto favorevoli all’acquisto dell’uno piuttosto che dell’altro (prezzo più basso, quantità maggiore, offerte cumulabili o meno, data di scadenza più lunga e via dicendo).

Evitare gli acquisti compulsivi, magari di prodotti che poi non verranno consumati, non è solo una regola di buon senso ma anche il consiglio più importante per portare a termine la spesa in maniera intelligente e risparmiare.

Fare la spesa: come risparmiare

Le strutture dei supermercati hanno una logistica e un posizionamento dei prodotti abbastanza simile e ben studiato dai marketer. Il reparto frutta e verdura si trova spesso nelle vicinanze dell’ingresso, questo per dare un’idea immediata di pulizia e freschezza, mentre chewing gum, uova di cioccolato, caramelle e ricariche telefoniche sono tipicamente disposti lungo le casse, questo perché, nell’attesa, può venire in mente di acquistare altro. Inoltre gli articoli per i bambini sono messi ad altezza del loro sguardo… andate a fare la spesa senza figli!

Sfruttando attitudini tipiche del comportamento umano, anche la disposizione dei prodotti sugli scaffali non è casuale: in Occidente si legge da sinistra a destra e così i prodotti più cari sono, solitamente, disposti in alto a sinistra fino ad arrivare ai meno cari che si trovano, quindi, in basso a destra. Questa tecnica è legata a un altro comportamento di chi fa la spesa, tipico soprattutto degli uomini fra i 20 e i 50 anni che è quello di entrare e uscire il prima possibile dal supermercato. Queste persone tendono ad acquistare il primo prodotto che capita sotto ai loro occhi (in alto a sinistra, per l’appunto).

Va da sé che non avere fretta è una dote fondamentale per fare acquisti mirati e consapevoli per non arrivare alle casse con un carrello pieno di cose superflue e costose. Cercare i migliori prodotti basandosi sul rapporto qualità/prezzo è una delle cose più intelligenti da fare.

Ultimo consiglio, ma non meno importante, specifico per l’acquisto di frutta e verdura è quello di seguire la stagionalità dei prodotti. Acquistare frutta e verdura di stagione conviene perché i prezzi al chilo sono decisamente più bassi rispetto a quelli degli alimenti fuori stagione.

Fare la spesa: cosa non deve mancare

Nel fare la spesa ci sono cose che dobbiamo sempre acquistare per non trovarci con il frigorifero vuoto e anche per evitare di essere impreparati nel caso di visite a sorpresa di parenti e/o amici.

Per chi fa la spesa tutti i giorni, il pane è solitamente un prodotto da acquistare sempre. Altre cose da avere e che vanno acquistate con la data di scadenza più lontana possibile:

• pasta (averne sempre almeno un chilo per le emergenze);

• condimenti vari;

• aperitivo (bibite, patatine e snack in generale);

• latte fresco o a lunga conservazione;

• caffè;

• surgelati (carne, verdura).

07/11/18