Chiedi a Candy
Torna al blog

Per cuocere cibi congelati è meglio il forno statico o ventilato?

Cibi congelati

Gli alimenti congelati sono presenti ormai in qualsiasi casa: ma come cucinarli al meglio? Ecco i consigli per preparare cibi congelati

I cibi congelati sono entrati sempre di più a far parte della quotidianità di moltissime famiglie. Dalla carne al pesce, passando per le verdure e i dolci, praticamente tutti i cibi possono essere congelati. Il consumo di questi alimenti, però, prevede che vengano seguite precise indicazioni. È infatti fondamentale capire come scongelare al meglio i cibi congelati e qual è la modalità di cottura migliore fra forno statico e forno ventilato.

Come scongelare i prodotti congelati

Prima della fase di preparazione e cottura degli alimenti congelati o surgelati, devi dedicarti al loro scongelamento. Tendenzialmente il sistema migliore per scongelare i cibi è metterli nel frigorifero per alcune ore. Si tratta però anche della soluzione più dispendiosa a livello di tempo. Se non hai molto tempo a disposizione una valida alternativa prevede l’utilizzo del microonde.

Generalmente i cibi surgelati che vengono scongelati in microonde dovrebbero essere consumati immediatamente. Se invece vengono riportati a temperatura ambiente in frigo, possono resistere anche fino a 48 ore prima di essere mangiati. Ci sono poi anche alimenti congelati o surgelati che possono essere cucinati direttamente: questa è forse l’opzione migliore per evitare la proliferazione di batteri.

Differenza fra forno ventilato e forno normale

Fra i tanti piatti che si possono fare al forno, i cibi congelati sono sicuramente fra i più veloci e che richiedono meno dispendio di energia.

Quando si parla di cucinare alimenti congelati o surgelati in forno, potrebbe però sorgere spontanea una domanda: è meglio utilizzare un forno statico o uno ventilato? Diventa dunque importante stabilire qual è la differenza fra queste due tipologie di forno.

Il forno statico, come i forni con funzione scongelamento di Candy, utilizza un tipo di cottura più delicato. È particolarmente adatto per i dolci, che necessitano di una cottura uniforme sia all’interno che all’esterno. La modalità di cottura ventilata, invece, è più veloce e viene principalmente impiegata per far dorare le pietanze. Il forno ventilato è quindi l’ideale per cuocere cibi congelati salati, come carni e verdure. C’è poi anche una differenza di temperatura fra forno statico e forno ventilato, che è di circa 20°C. Se hai quindi un forno statico ma sulla confezione del cibo surgelato è indicata la temperatura per forno ventilato, ricordati di aumentare di 20°C circa la temperatura del tuo forno.

In generale, la cottura in forno dei cibi congelati o surgelati avviene a una temperatura compresa fra i 150-250 °C a seconda del tipo di alimento da preparare. Utilizzare il forno per cuocere questi cibi permette di creare una crosticina croccante all’esterno, mantenendo l’interno della pietanza umido e morbido.

Oltre al forno statico o ventilato, i cibi congelati possono essere cotti anche nel microonde. Questo tipo di cottura, un po’ come per lo scongelamento, è sicuramente la più rapida. Permette inoltre di non far perdere sostanze nutritive al piatto. Fai attenzione però che la cottura in microonde non si presta a tutti i tipi di prodotti e soprattutto di imballaggi.

07/06/21
Categorie: